Le caratteristiche di una birra IPA

Nel mondo della birra si sente spesso parlare di IPA per indicare una specifica famiglia di birre, ma in pochi ne sanno indicare precisamente le caratteristiche. Innanzitutto il termine significa India Pale Ale e per spiegarne le peculiarità non si può prescindere dal riassumere la loro storia, perché fondamentale per tracciare almeno due interpretazioni dello stile.

 

Breve storia dell’India Pale Ale

Le IPA nacquero in Inghilterra durante il periodo dell’Impero Britannico: erano una versione più alcolica, attenuata e luppolata delle comuni Pale Ale, che si rivelarono particolarmente adatte ad affrontare i lunghi viaggi per mare imposti dalle rotte commerciali verso le colonie in India. Questo sottostile era dunque già consumato dai bevitori inglesi, ma assunse il suo nome definitivo (e una sorta di dignità autonoma) grazie alla fama acquisita come prodotto da esportazione. L’ottima predisposizione a viaggiare era dovuta alle generose quantità di luppolo (un conservante naturale) e alla gradazione alcolica relativamente alta. 

Tali peculiarità furono esaltate decenni dopo dai birrifici artigianali americani, quando, a partire dalla seconda metà degli anni ’70, reinterpretarono le IPA usando materie prime locali e piegandole al gusto dei consumatori locali. Nacquero così le American IPA, che diventarono un fenomeno mondiale e il simbolo della rivoluzione della birra craft.

 

Scarica il nono volume della nostra raccolta per conoscere le birre IPA!

 

Amare e luppolate: le caratteristiche delle IPA 

Le caratteristiche delle IPA dipendono dunque dal modello di partenza. Quelle di stampo inglese sono birre piuttosto amare e luppolate, ma anche abbastanza equilibrate. I malti – in particolare lo storico Maris Otter – costituiscono la base ideale per supportare i luppoli, che in genere si identificano con le varietà “nobili” inglesi Fuggle e East Kent Golding. Il lievito, pur essendo ad alta fermentazione, partecipa in maniera limitata alla formazione del ventaglio aromatico, fornendo leggere pennellate fruttate e speziate ma lasciando di fatto spazio ai restanti ingredienti.

Le IPA di stampo americano, invece, ricercano obiettivi ben diversi partendo dalla stessa impostazione stilistica. Come accennato, tendono a esaltare le caratteristiche delle English IPA: sono un po’ più amare ma soprattutto molto luppolate. Il profilo aromatico cambia radicalmente per due motivi: tutta la ricetta è costruita per esaltare i luppoli e gli stessi sono di origine locale, dunque ben diversi in termini di contributo organolettico. Gli altri ingredienti sono quasi totalmente asserviti a questa funzione: il lievito è praticamente “neutro” – cioè senza alcuna influenza in termini aromatici – e la base maltata più leggera per evitare interferenze e favorire la facilità di bevuta.

Le American IPA resero innanzitutto protagonista il luppolo Cascade, una delle prime varietà americane disponibili sul mercato e contraddistinta da un’arroganza aromatica non paragonabile a quella dei luppoli europei. Il successo delle American IPA trasformò questo ingrediente (e di conseguenza l’amaro) nel simbolo della rivoluzione della birra artigianale, favorendo la nascita di nuove varietà tanto negli Stati Uniti (Citra, Amarillo, Chinook, ecc.), quanto nel resto del mondo (Nuova Zelanda, Giappone, Australia, Europa). Le American IPA cominciarono a prevedere anche luppoli non necessariamente americani e questo fenomeno ha offerto un impulso alla nascita delle prime coltivazioni italiane per la creazione di birre 100% made in Italy.

 

Le variazioni sul tema delle India Pale Ale americane

In realtà le American IPA hanno visto nascere così tante variazioni sul tema che per delineare un identikit organolettico sarebbe più corretto riferirsi al sottostile di riferimento. Le Double IPA, ad esempio, enfatizzano al massimo le caratteristiche di partenza; le West Coast IPA sono chiare, amare e molto attenuate; le New England IPA sono opalescenti, profumate, morbide e poco amare; le Black IPA uniscono la potenza dei luppoli a un carattere leggermente tostato; le White IPA sfruttano il contributo aromatico di una percentuale di frumento maltato; le Rye IPA presentano un profilo “rustico” per la presenza di segale nella base fermentescibile. Insomma esistono tantissime declinazioni di American IPA e ciò lascia comprendere il successo ottenuto da questo stile nel tempo.

 

IPA